I container refrigerati

Un tema delicato, quanto decisivo quello dei trasporti e della logistica per il mondo ortofrutticolo.
Uno sguardo allo scenario attuale e alle aziende che saranno presenti a Macfrut 2017
 
I container refrigerati - Clerici Logistics

Non è un caso quindi che negli ultimi anni diverse società italiane attive nei porti e nelle aree retroportuali si siano attivate per migliorare la recettività di questi container. Il Voltri Terminal Europa, la struttura terminalistica più grande del porto di Genova, ha portato a termine un investimento da 2,8 milioni di euro per realizzare un ampliamento del parco dedicato allo stoccaggio dei contenitori. Anche il terminal Sech di Genova ha avviato un piano d’investimento da quasi un milione di euro per approntare nel piazzale nuovi torri frigo (tecnicamente chiamare reefer reacks) alle quali sarà possibile allacciare, nella prima fase d’investimento, circa 270 container refrigerati.
Progetto simile è stato messo in pratica anche dal vicino porto di La Spezia dove tre società (la Spedemar del gruppo Contship Italia, Clerici Logistics e Thermocar) hanno dato vita a un nuovo terminal retroportuale per lo stoccaggio di merce a temperatura controllata sorto nelle aree di Santo Stefano Magra. Impianti simili esistono anche in altri scali italiani tra cui Livorno, Civitavecchia, Ravenna e Salerno.
(myFruit  10 aprile 2017)